BOcentrale IMMOBILIARE.COM

un mondo di attenzioni per voi

Home

          IN EVIDENZA....
VIA MONTENERO -5LOC.-BELLISSIMO

P.TA S.FELICE- VIA MONTENERO-5LOC-2 BAGNI E BALCONE-SPLENDIDA POSIZIONE ELEGANTE-SILENZIOSA E LUMINOSA


Bocentrale immob. propone ampio immobile in contesto tranquillo,ristrutturato e raffinato.

doppia esposizione- ben luminoso - ottima divisione tra zone giorno e notte.

** IMPIANTO ELETTRICO A NORMA ** PARQUET VERO LEGNO ** IL RESTO FINITURE ORIGINALI.


**INTERNI: INGRESSO ARRED.- CUCINA AMPIA - SALONE -3 CAMERE DA LETTO - BAGNO (POSS.2'BAGNO)- 2 RIPOSTIGLI COMODI.**

VALORE RICHIESTO €279000 *** PER INFO E VISITE CELL. 3479152126



                                                          I NOSTRI SERVIZI:

COMPRAVENDITE

LOCAZIONI

VALUTAZIONI

(CIVILI E COMMERCIALI)

PRATICHE EDILIZIE

(CATASTALI/URBANISTICHE)

REDAZIONE “APE”

ASSISTENZA CREDITIZIA

ASSISTENZA NOTARILE/LEGALE

RISTRUTTURAZIONI

TRASLOCHI

CONSIGLI UTILI:   
                                               
AFFRETTATEVI  A  COMPRARE    E  PRESENTARE  LE PRATICHE  DEI LAVORI ENTRO L'ANNO ... 
   
Bonus casa 2018, ecco come cambierà la detrazione per lavori di ristrutturazione

La detrazione fiscale prevista dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 per lavori di ristrutturazione edilizia ci sarà anche nel 2018 ma il bonus cambierà: non più detrazione al 50% e neppure il limite di 96.000 euro di spesa massima consentita.

A partire dal 1° gennaio 2018 il bonus ristrutturazioni tornerà alla misura prevista dalla normativa di riferimento; per l’Ecobonus, la detrazione fiscale prevista per interventi di riqualificazione energetica, il Governo sta invece valutando una proroga dell’incentivo, ma con modifiche sostanziali. Resteranno in vigore fino al 2021 le agevolazioni fiscali dell’Ecobonus condomini e il Sisma Bonus per interventi volti a ridurre il rischio sismico degli immobili.

Ecco come sarà il bonus ristrutturazioni nel 2018 e quali saranno importo, limite e misura della detrazione fiscale per chi vuole ristrutturare la propria casa.

A partire dal 1° gennaio 2018, salvo ulteriori proroghe nella prossima Legge di Bilancio, il bonus per lavori di ristrutturazione edilizia tornerà alla misura originaria prevista dall’art. 16-bis del TUIR.

Per i lavori di ristrutturazione in casa la norma prevede una detrazione Irpef pari al 36% delle spese sostenute, fino al limite di 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Con il decreto legge n. 83/2012 è stato, per la prima volta, portato al 50% il bonus ristrutturazioni e a 96.000 euro il tetto di spesa agevolata.

Uno dei bonus casa più apprezzati, più volte prorogato e da ultimo con la Legge di Bilancio 2017 fino al 31 dicembre, tornerà nella sua misura originaria a partire dal 1° gennaio 2018. La detrazione per i lavori di riqualificazione energetica, l’Ecobonus al 65%, rientrerà tra le agevolazioni disciplinate dall’art. 16-bis del TUIR, tornando dunque alla misura originaria del 36%, anche se attualmente il Governo è orientato verso una proroga dell’agevolazione seppur in misura ridotta.

Con la fine dell’anno saranno diverse le agevolazioni fiscali per la casa che i contribuenti dovranno salutare.

Oltre alla maggiorazione per ristrutturazioni e riqualificazione enegetica, il 31 dicembre 2017 è l’ultimo giorno utile in cui sarà possibile portare in detrazione il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione edilizia iniziata a partire dal 1° gennaio 2016.

Ecobonus condomini e Sisma bonus anche nel 2018 e fino al 2021

A differenza del bonus ristrutturazioni, resteranno anche nel 2018 e fino al 31 dicembre 2021 le detrazioni per lavori di riqualificazione energetica in parti comuni del condominio e il Sisma bonus.

L’Ecobonus condomini, per il quale sono arrivate recentemente istruzioni e novità - con la possibilità di cessione del credito dei condomini incapientianche a banche e istituti di credito - potrà arrivare fino al 75%.

Il Sisma bonus, per lavori effettuati a partire dal 1° gennaio 2017 e fino al 31 dicembre 2021 sarà del 70%, ovvero dell’80% in caso di riduzione di due classi di rischio. La detrazione sale fino all’85% quando l’intervento è effettuato in condomini.

La Legge di Bilancio 2018 potrebbe introdurre ancora correttivi ai bonus casa previsti per il prossimo anno e in molti auspicano un ulteriore proroga del Governo per il bonus ristrutturazioni e per l’Ecobonus. Staremo a vedere se ci saranno ancora novità.




 AGEVOLAZIONI FISCALI  ACQUISTO PRIMA  1' CASA
fiscali per l’acquisto della prima casa sono state prorogate anche per il 2017 e consentono di beneficiare della riduzione dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale ma non solo.

Nel rispetto dei requisiti previsti dall’Agenzia delle Entrate con il bonus prima casa si può beneficiare della riduzione dell’Iva, del credito d’imposta e di specifiche detrazioni Irpef.

Le agevolazioni del bonus prima casa si applicano per gli acquisti effettuati da imprese, da privati, ma anche per acquisti su successioni e donazioni. Ovviamente per accedere alle agevolazioni sull’acquisto della prima casa rivolte dallo Stato i beneficiari dovranno rispettare alcuni requisiti, anche se per il 2017 la misura è stata estesa anche ai possessori di una casa, diversamente da quanto invece stabilito al 2015.

Inoltre, l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 107 del 1 agosto 2017 ha chiarito un’importante novità: il bonus prima casa può essere richiesto una seconda volta nel caso di immobile già acquistato con le agevolazioni previste ma di seguito dichiarato inagibile. Un chiarimento molto importante e che, nel caso specifico, si inserisce nelle importanti agevolazioni fiscali riconosciute ai possessori di case danneggiate dal terremoto.

Potranno usufruire del bonus prima casa 2017 anche coloro che risultano, al momento dell’acquisto di nuova proprietà immobiliare, già possessori di un’abitazione a tutti gli effetti agibile, ma nel rispetto di precisi vincoli che sono stati stabiliti per legge e che di seguito chiariremo.

Quali sono i bonus prima casa 2017 e quali requisiti e beneficiari delle agevolazioni? Nelle righe che seguono la sintesi delle principali agevolazioni e novità 2017.

Bonus prima casa 2017: agevolazioni e beneficiari

Il bonus prima casa 2017 è un’agevolazione rivolta a tutti i cittadini ma nel rispetto di determinati requisiti. Prima di scendere nel dettaglio e analizzare in cosa consiste il bonus prima casa 2017 e cosa prevedono le agevolazioni, vediamo chi sono i beneficiari.

Tra le novità del 2017 si ricorda che con un emendamento al DdL Milleproroghe, approvato alla Camera e al Senato, è stata estesa la possibilità di beneficiare della detrazione del 50% sull’Iva corrisposta per l’acquisto di immobili ad alta prestazione energetica, ovvero le case in classe A e Bacquistate direttamente dal costruttore. Non si tratta esclusivamente di un’agevolazione per l’acquisto della prima casa: potranno beneficiarne, nel 2017, anche coloro che intendono acquistare una seconda abitazione.

Per quel che riguarda, nel dettaglio, il bonus prima casa 2017 può essere richiesto per gli acquisti di abitazioni che non rientrino nelle categorie catastali A7, A8, A9, ovvero le case di lusso. Pertanto prima di procedere con l’acquisto della casa è opportuno chiedere verifica delle caratteristiche dell’immobilead esperti, geometri, ingegneri e architetti.

I beneficiari del bonus prima casa 2017 dovranno inoltre rispettare alcuni requisiti, ovvero:

  • non possedere abitazioni in tutto il territorio nazionale per i quali si è fruito delle agevolazioni, oppure venderle entro 1 anno;
  • non essere proprietario di abitazione nello stesso Comune in cui si richiedono le agevolazioni per l’acquisto della prima casa;
  • essere residente nel Comune in cui si acquista casa o stabilirvi la residenza in 18 mesi dall’acquisto agevolato, ovvero dimostrare che la propria sede di lavoro è situata nel suddetto Comune;
  • non essere titolare di diritto d’uso, usufrutto o abitazione di altro immobile nello stesso Comune in cui si richiede l’agevolazione sull’acquisto della prima casa.

Come abbiamo precedentemente ricordato il bonus prima casa 2017 potrà essere utilizzato anche dai contribuenti già in possesso di abitazione ma il vincolo è la vendita dell’immobile precedentemente posseduto entro 18 mesi dal nuovo acquisto.

Ecco tutti i bonus prima casa 2017 di cui i beneficiari dell’agevolazione potranno usufruire.

Bonus prima casa 2017: tutte le agevolazioni

Le agevolazioni fiscali che permettono di acquistare casa usufruendo di sconti su Iva, imposta di registro, Irpef e credito d’imposta sono state e promettono di essere un importante incentivo non soltanto per i cittadini ma anche per le imprese costruttrici.

I bonus prima casa 2017 di cui si può usufruire sono i seguenti e si applicano a diverse condizioni, ovvero:

  • Riduzione dell’Iva dal 21% al 4%: è rivolto ai contribuenti che acquistano casa direttamente dall’impresa costruttrice, pagando in misura fissa 200 euro per imposta ipotecaria e catastale;
  • Acquisti per successioni o donazioni: si applicano imposta ipotecaria e catastale in misura fissa, ovvero 200 euro;
  • Imposta di registro al 2%: per gli acquisti da privati è prevista la riduzione dell’imposta di registro. In base a quanto stabilito, il bonus prima casa 2017 per acquisti da privati permetterà di pagare l’imposta in oggetto sul valore catastale dell’immobile, sulla base del principio prezzo/valore. Imposta catastale e ipotecaria ammontano in questo caso a 50 euro;
  • Detrazione Irpef 19%: per acquisti da agenzie immobiliari è prevista la detrazione Irpef sull’importo erogato dall’agenzia, nel limite di 1.000 euro;
  • Credito d’imposta: il bonus prima casa 2017 per i soggetti che vendono e riacquistano casa entro 12 mesi usufruendo delle agevolazioni prevede la possibilità di sottrarre l’imposta da pagare con quella già pagata per l’acquisto della precedente abitazione.

Si ricorda che per usufruire delle agevolazioni previste dal bonus prima casa 2017 è necessario stipulare l’atto d’acquisto presso un notaio.











NUOVE NORMATIVE: CONFORMITA' CATASTALE-URBANISTICA ,DA SETTEMBRE OBBLIGATORIA PER VENDERE  CASA.

SOTTOSCRITTO UN PROTOCOLLO DI INTESA TRA NOTAI E ORDINI TECNICI A TUTELA DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI.


Oggi a Bologna, presso il Consiglio Notarile, è stato sottoscritto il Protocollo di Intesa tra Notai, Geometri, Ingegneri e Architetti, che ufficializza la ‘Relazione di Conformità Urbanistica e Conformità Catastale’. L’obiettivo? Quello di garantire ai cittadini e ai professionisti coinvolti la certezza della regolarità urbanistica e della Conformità Catastale dell’immobile.

Tale Protocollo avrà validità in tutto il territorio del Comune di Bologna.

 

Bologna, 12 luglio 2017 _ Come tutelare il cittadino nelle compravendite edilizie, garantendo la la regolarità urbanistica e laconformità catastale dell’immobile?

D’ora in poi, anche a Bologna, questo sarà possibile, attraverso la ‘RELAZIONE TECNICA INTEGRATA URBANISTICO EDILIZIA E DI CONFORMITÀ CATASTALE”.

Tale documento è stato ufficializzato e sancito dal Protocollo di Intesa sottoscritto oggi dai Notai, Geometri, Ingegneri e Architetti.

Alla presenza, per il Comune di Bologna, dell’architetto Monica Cesari (Direttore Settore Servizi per l'Edilizia), a firmare il documento sono intervenuti il notaio Claudio Babbini, Presidente del Consiglio Notarile di Bologna, il geometra Stefano DainesiPresidente dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Bologna, l’ingegner Simona Tondelli, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri diBologna, l’architetto Pier Giorgio Giannelli, Presidente dell'Ordine degli Architetti di Bologna.

Erano inoltre presenti i rappresentanti delle Agenzie di Intermediazione Immobiliare, Gianluca Giordani, Presidente di Fiaip Bologna e Roberto Maccaferri, Presidente di FIMAA Bologna.

<Il Protocollo _ ha sottolineato il notaio Claudio BabbiniPresidente del Consiglio Notarile di Bologna _ nato da un lavoro condiviso dagli Ordini Tecnici professionali,parte da una delibera presa dai notai che interessa l'intera Regione Emilia-Romagna, ed  è inteso a condividere  fra gli Ordini (notai, geometri ingegneri, architetti ed altri ordini tecnici che ad esso volessero aderire successivamente) l'obiettivo primario della circolazione di immobili non abusivi,  attraverso la richiesta - in fase di vendita  - da parte di ciascun Notaio di una ‘Relazione tecnica integrata urbanistico edilizia e di conformità catastale’ redatta da un tecnico specializzato, il cui testo base è stato studiato e condiviso tra tutti.>.

 

COME FUNZIONA.

Il Protocollo di Intesa del 12 luglio 2017, dal punto di vista operativo comporta una ‘Relazione tecnica integrata urbanistico edilizia e catastale’, che attesti - come sancito nel Protocollo - <la conformità tra stato di fatto dell’immobile, dati catastali e planimetria depositata in catasto, gli estremi dei titoli abitativi o atti equipollenti, di cui fornirà gli estremi, con varianti, fine lavori e certificato di abitabilità/agibilità inerenti la costruzione dell’immobile>.

La ‘Relazione di Conformità Urbanistica e Catastale’ è un documento che risponde all'esigenza di tutelare il cittadino che acquista e ha diritto ad acquistare bene, il cittadino che vende e si trova a dover rendere in atto, a pena di nullità, dichiarazioni di contenuto tecnico che non è in grado obiettivamente di rendere con competenza specifica. 

Infine, non ultimo, questo stesso documento di ‘Conformità’ supporta il Notaio, posto a presidio della legalità, quindi innegabile promotore, pur senza responsabilità, della circolazione di immobili che siano necessariamente “regolari” sia sotto il profilo urbanistico che sotto il profilo catastale e tutela anche gli agenti immobiliari, per legge responsabili se immettono sul mercato immobili non conformi. 

In questo modo, infatti, tutti i soggetti coinvolti nella filiera dei trasferimenti immobiliari avranno la certezza della regolarità urbanistica e del rilascio del certificato di agibilità dell’immobile. Non solo: allo Stato sarà assicurata una minore incidenza del contenzioso e delle procedure amministrative di sanatoria delle irregolarità.

 




Clicca qui per modificare il testo

 

SARAGOZZA-MELONCELLO/VILLA SPADA -STUPENDO-NUOVO-DA INVESTIMENTO

BOcentrale immobliare propone in vendita grazioso appartamento realizzato nel 2011 con finiture di prego ,in stabile signorile ,silenzioso . Altro fattore piacevole e' l'altezza dei soffitti di 4 metri ,con travi a vista che lo rende piu ' suggestivo. INTERNAMENTE : INGRESSO SU SOGGIORNO COMODO,CON ANGOLO COTTURA BEN DISTRIBUITO ,CAMERA MATRIMONIALE ,BAGNO FINESTRATO, STUDIO SOPPALACATO (H 1,5M) CON SCALA A CHIOCCIOLA I SOFFITTI SONO FORNITI DI FARETTI ,CONTROSOFFITTATURA, ARIA CONDIZIONATA IN TUTTA LA CASA,ZANZARIERE, SERRANDE AUTOMATICHE, OVVIAMENTE IMPIANTI A NORMA CERTIFICATI, INFISSI DOPPIO VETRO IN PVC. 

PER INFO E VISITE 3479152126 [email protected]

VALORE RICHIESTO € 162000
P.TA S.FELICE-VIA GHISILIERA-NUOVO-40 MQ-DA INVESTIMENTO

BOcentrale immob. propone appartamento di GRAN SAPORE ,in stabile di recente costruzione. In contesto silenzioso ,signorile ma a due passi dal centro storico e tutti i servizi. INTERNAMENTE e composto da un unico ambiente ,ove pero' l'angolo zona notte e' piacevolmente separato dalla zona giorno TUTTI GLI IMPIANTI SONO A NORMA DI LEGGE,RISCALDAMENTO AUTONOMO ESTERNAMENTE si trova in interno grazioso trafficato solo dai residenti.

 Per informazioni e visite cell. 3479152126 o [email protected]

VALORE RICHIESTO €109000

Grazie per aver visitato!

SARAGOZZA- AUDINOT-160MQ ,CON PORTINERIA E TARRAZZO 10MQ

BOCENTRALE IMMOBILIARE PROPONE APPARTAMENTO IN CONTESTO ELEGANTE,ESCLUSIVO APPENA FUORI DAL CENTRO STORICO MA CON NOTEVOLE SENTORE DI UN PEZZO DI STORIA BOLOGNESE, IL SERVIZIO DI PORTINERIA LO RENDE ANCORA PIU' SIGNORILE ,COME ANCHE LA POSIZIONE OVE SI TROVA CHE MANTIENE ANCORA LE BOTTEGHE TIPICHE DELLA TRADIZIONE. INSOMMA PROPONIAMO QUALCOSA CHE VA OLTRE METRI O I DATI CATASTALI, MA UNA VERA SOLUZIONE ABITATIVA PER LA VITA CHE VA SCELTA SOLO COL CUORE. -PIACEVOLE TERRAZZO VERANDATO DI 10MQ PER CHI AMA CURARE PIANTE E FIORI -BALCONE DA UNA DELLE CAMERE. -NONOSTANTE GLI ANNI CONSERVA NELLE CAMERE UN PARQUET DI LEGNO -NEI PAVIMENTI DEGLI ALTRI AMBIENTI DELL'OTTIMO MARMO -GLI AMBIENTI SON TUTTI AMPI E COMODI COME VUOLE LA TRADIZIONE 

PER INFO E VISITE CELL. 3479152126 - [email protected]

VALORE  RICHIESTO  € 450000